Come comunicare agli ospiti le limitazioni su energia

Risolto!
Debora1454
Level 10
Milan, Italy

Come comunicare agli ospiti le limitazioni su energia

Carissimi, ieri non ho potuto partecipare alla chiacchierata di community sul tema dell'energia. Qualcuno che era presente ha voglia di raccontarmi cosa vi siete detti a proposito di come comunicare agli ospiti le limitazioni su riscaldamento ed energia elettrica e relativo problema di abbassamento di potenza dei contatori con rischio che salti la corrente utilizzando più elettrodomestici? @Dario0 @Donatella26 

1 Risposta Migliore
Donatella26
Level 10
Mondolfo, Italy

@Debora1454 @Francesca @Dario0  in merito alla chiaccherata, sostanzialmente per cercare di limitare i consumi ci sono alcuni accorgimenti: telecomandi con limitatore di temperatura e/o limitazione di ore per il condizionatore, termostati controllabili da remoto: la domotica dà una grossa mano, quindi se si deve ristrutturare o costruire è una buona scelta, altrimenti anche piccoli aiuti possono contribuire. Chi ha già il fotovoltaico si è chiaramente espresso nel senso di auspicare la sua diffusione e naturalmente risente meno degli aumenti (anche se se non si ha l'accumulatore... si deve comunque acquistare corrente). Qualche host non ha l'aria condizionata e sopperisce con i ventilatori: dipende naturalmente da dove hai la proprietà... se sono sufficienti può essere una soluzione meno energivora dei condizionatori. Per chi affitta d'inverno e non ha un contratto a prezzo bloccato gli aumenti saranno un problema: la sensibilizzazione degli ospiti, specie quelli che vengono da Paesi che magari per cultura o per abitudine hanno comportamenti non proprio Virtuosi dal punto di vista dei consumi. Anche per quanto riguarda l'acqua si è parlato di soffioni della doccia e/o dei rubinetti risparmiosi, di inviti (come ormai si vedono in pressoché tutti gli hotel) a un consumo responsabile dell'acqua, di limitatori "naturali" nel senso che se il tuo boiler consente un tot di litri di acqua calda e il guest lo sa si limiterà di conseguenza. Più o meno queste cose... è stato molto interessante e, come al solito, anche divertente

Vai alla Risposta Migliore originale

7 Risposte 7
Debora1454
Level 10
Milan, Italy

Grazie per l'ottimo riassunto @Donatella26 🙂

Debora1454
Level 10
Milan, Italy

@Francesca @Dario0  io penso che scriverò comunque un disclaimer nelle regole della casa, perchè comunque dove c'è riscaldamento condominiale la temperatura sarà tenuta a 19 gradi e sarà ridotto l'orario di riscaldamento, ergo farà freddo! E se fa freddo, gli ospiti vorranno usare l'aria condizionata in pompa di calore (con un limite di temperatura impostato sul telecomando), e se la usano mentre si fanno la doccia, con lo scalda acqua elettrico in funzione e magari pure il phon, c'è il rischio che salti la corrente. Devono capire bene che non dipende da noi e quindi non è un motivo per annullare soggiorni o chiedere rimborsi. Devono capire bene che devono usare un elettrodomestico per volta e non sprecare inutilmente corrente.

Donatella26
Level 10
Mondolfo, Italy

@Debora1454 @Francesca @Dario0  in merito alla chiaccherata, sostanzialmente per cercare di limitare i consumi ci sono alcuni accorgimenti: telecomandi con limitatore di temperatura e/o limitazione di ore per il condizionatore, termostati controllabili da remoto: la domotica dà una grossa mano, quindi se si deve ristrutturare o costruire è una buona scelta, altrimenti anche piccoli aiuti possono contribuire. Chi ha già il fotovoltaico si è chiaramente espresso nel senso di auspicare la sua diffusione e naturalmente risente meno degli aumenti (anche se se non si ha l'accumulatore... si deve comunque acquistare corrente). Qualche host non ha l'aria condizionata e sopperisce con i ventilatori: dipende naturalmente da dove hai la proprietà... se sono sufficienti può essere una soluzione meno energivora dei condizionatori. Per chi affitta d'inverno e non ha un contratto a prezzo bloccato gli aumenti saranno un problema: la sensibilizzazione degli ospiti, specie quelli che vengono da Paesi che magari per cultura o per abitudine hanno comportamenti non proprio Virtuosi dal punto di vista dei consumi. Anche per quanto riguarda l'acqua si è parlato di soffioni della doccia e/o dei rubinetti risparmiosi, di inviti (come ormai si vedono in pressoché tutti gli hotel) a un consumo responsabile dell'acqua, di limitatori "naturali" nel senso che se il tuo boiler consente un tot di litri di acqua calda e il guest lo sa si limiterà di conseguenza. Più o meno queste cose... è stato molto interessante e, come al solito, anche divertente

Francesca
Online Community Manager
Online Community Manager
London, United Kingdom

 

Ciao @Debora1454 e grazie @Dario0 

ricordo che qualcuno scriveva chiedeva dell'uso responsabile dell'energia nelle regole della casa... Era @Mira63 ? 

Altri avevano "bloccato" il riscaldamento con dei controlli a distanza che si acquistano a meno di un centinaio di euro, ricordo bene @Till-and-Jutta0 che ci ha mostrato il "termo-regolatore" 

@Renzo4 ha anche lui bloccato le temperature. 

Abbiamo parlato anche delle fasce climatiche italiane e delle normative che impongono al riscaldamento residenziale di rimanere entro certi limiti. Sono norme che puntano a limitare l'inquinamento. Il riscaldamento infatti e uno dei fattori più pesanti nell'inquinamento cittadino. 
IMPORTANTE: non tutti i Paesi del mondo hanno regole di questo tipo! Molti non se lo sognano neppure.

 


___________________________


Hey, hai un dubbio o una domanda?

Pubblicala cliccando >>QUI<< troveremo la risposta insieme.

Debora1454
Level 10
Milan, Italy

@Francesca no, purtroppo queste politiche non hanno niente a che fare con la limitazione all'inquinamento, dipendono dalla scarsità delle risorse dovuta alla guerra, dalla difficoltà di approvvigionamento, dalla chiusura dei rubinetti del gas di Putin e conseguente speculazione sui prezzi di gas e petrolio.

Debora1454
Level 10
Milan, Italy

Grazie @Dario0 🙂

Dario0
Level 10
Rome, Italy

Ciao @Debora1454 ,

da quello che ho capito si parla di limitazioni del 5% nelle ore di punta.
Non dovrebbero darci grandi problemi perchè nel caso classico di un contratto da 3,3 KWh, dovrebbero essere 165 watt in meno.
Quindi per il momento prevedo di fare la solita comunicazione di sempre, anche ora non si possono usare più elettrodomestici insieme perchè altrimenti si "stacca" la corrente.
Per l'inverno inoltre nella maggior parte delle case non si usa il condizionatore per riscaldarsi ma i normali termosifoni quindi gli ospiti dovrebbero accendere lavatrice, forno e asciugacapelli insieme per far saltare la corrente.
Basta dirgli fate una cosa per volta e non succederà niente.
È una situazione che si sta evolvendo quindi sicuramente ne sentiremo parlare ancora.
Teniamoci aggiornati!


seguimi su Instagram @airbnb.dario - parlo di Locazione Breve e di Airbnb

Leggi gli articoli del Centro Risorse

Preparare la casa per gli ospiti
Consigli di host Airbnb Plus: come qualche premura può fare la differenza
Assistere gli ospiti durante il loro soggiorno