Migliorare la trasparenza dei prezzi per gli ospiti

Francesca
Community Manager
Community Manager

Migliorare la trasparenza dei prezzi per gli ospiti

 

Prezzi totali.png

 

Oggi il CEO Brian Chesky ha annunciato un aggiornamento nel modo in cui i gli ospiti vedranno i prezzi nei risultati di ricerca di Airbnb. Il nostro obiettivo è quello aumentare la trasparenza dei prezzi in luoghi come gli Stati Uniti, dove la visualizzazione dei prezzi a notte (senza includere i costi) è attualmente lo standard del settore dei viaggi.

 

Gli ospiti che ora trovano i prezzi a notte nei risultati di ricerca potranno passare alla modalità di prezzo "tutto compreso", che include il prezzo per notte, il costo del servizio Airbnb e le eventuali spese dell'host per le pulizia, gli animali domestici o gli ospiti extra. 

 

Stiamo mettendo in pratica questa modifica, e altre ancora, per aiutare gli host a rimanere competitivi e a soddisfare le aspettative degli ospiti. Per maggiori dettagli, visita questo articolo del Centro Risorse .

 

Qual è la vostra strategia? Incorporare i costi di pulizia nel prezzo del pernottamento o addebitare un costo di pulizia separato? 

 


___________________________


Hey, hai un dubbio o una domanda?

Pubblicala cliccando >>QUI<< troveremo la risposta insieme.

24 Risposte 24
Maria-Rossella0
Level 10
Genoa, Italy

Ciao Francesca e ciao a tutti gli amici della Community!!!!Anche se, come ormai ho già precisato, la mia situazione è diversa dalla maggior parte degli host, ritengo di inserirmi e precisare un paio di cose riguardo le nuove regole sull'ospitalità:

1 - le spese di pulizia mi piace metterle a parte anche se, per la mia situazione, non sono certo esagerate (qui, le pulizie accurate si fanno tutti i giorni: grande giardino con anche alberi, animali, nipoti e amici)....lo trovo più chiaro e corretto... quando vado in giro con Airbnb mi piace vederle a parte, così ho una "stima" su quanto trovo dove vado.

2 - Non ho più trovato (o ho cercato male), il non poter più inserire "ospiteresti di nuovo": mi ha dato un bel fastidio.....dove lo scrivo che non vorrei più vedere quel guest? Ce ne sono due o tre che, come si dice,...."nemmeno in cartolina".....e che si fa...si dice di no? Non mi va proprio!!! Da tenere presente che anche gli alberghi, nonostante le stelle siano una o mille!, hanno una sorta di elenco di "non graditi": lo so con assoluta certezza...mio marito ha lavorato nel campo (e in tutto il mondo) per una vita.

3 - Prenotazione immediata...senza recensioni mi è capitata spesso; le informazioni su chi sarebbe venuto me le sono trovate da sola (internet è una potenza inimmaginabile....). E quindi, dove la trovo la novità? Spero che esista una sorta di controllo sugli ospiti, ma, onestamente, non lo ritengo così veritiero!!

4 - Ieri ho fatto una recensione (e sono stata bravissima nonostante qualche comportamento che mi ha fatto "rizzare il pelo"....!!!) ed ho ovviamente usato la nuova versione...qualche etichetta l'ho usata, ma qualcuna è veramente molto fredda, mi ha dato la sensazione di dover rispondere a un rigido e burocratico questionario da "ente locale", ma forse mi devo abituare, vedremo la prossima (domani).

5 - Incombenze dei guest: non mi sembrano così esagerate....noi lo facciamo sempre, mi viene tutto naturale...forse perchè sono un host o forse solo perchè ho ricevuto un'educazione di un certo tipo sul rispetto del lavoro altrui. Ma la guerra sui rifiuti differenziati è ancora molto lunga; non con gli italiani, ma con tutti gli altri sì (i peggiori nelle mie esperienze di Host? gli americani, soprattutto del nord !).......e portare fuori la propria spazzatura sembra un atto di indomito eroismo...questo spesso anche con gli italiani...fanno i sacchetti differenziati e li lasciano lì, ma almeno loro li fanno......!

Per ora è tutto, ma ci risentiremo presto....!!!!

Ciao ciao ciao e buon lavoro!!!!😄😃😀😉😉

@Francesca

Maria Rossella
Francesca
Community Manager
Community Manager

Ciao @Maria-Rossella0 ,

grazie dei feedback. L'Italia è molto avanti nel riciclo in Europa e nel mondo. Molti non fanno nulla nelle loro città perché i materiali non possono essere riciclati anche se raccolti. Secondo me è una cosa di cui andare fieri, fierissimi!
Secondo me è utile metterla su questo piano: qui siamo virtuosi e raccogliendo queste cose succedono cose fantastiche: una bottiglia diventa una finestra e una caffettiera rinasce come bicicletta... non si può rimanere insensibili!

Per la prenotazione immediata è possibile limitare la prenotazione immediata a chi ha avuto precedenti esperienze su Airbnb! Lo hai già fatto?

 


___________________________


Hey, hai un dubbio o una domanda?

Pubblicala cliccando >>QUI<< troveremo la risposta insieme.

IsabellaEValerio0
Level 10
Cuneo, Italy

@Cristiana19 @Francesca @Paola4 @Angela1056 @Alberto1535 @@Donatella26, @Dario0, ciao a tutti!

Come detto da Cristiana ognuno ha la propria filosofia sulle spese di pulizia, la mia è quella di includerle nella tariffa giornaliera.

Perché il discorso naturalmente non è farle o non farle pagare, ma includere nel prezzo base oppure addebitarle a parte.

Io preferisco includerle, forse perché preferisco trovarle incluse quando prenoto lato Guest.

Prima di rendere disponibile la mia casa per l'affitto, quando prenotavo non guardavo nemmeno la commissione dei portali, l'unica cosa che mi importava ( e che mi importa tuttora ) è il costo finale tutto incluso.

Il non addebitarle a parte mi fa anche sperare di trovare la casa più in ordine e pulita in quanto sull'annuncio posso scrivere " non addebitiamo costi extra per spese di pulizia, per favore aiutateci in questa scelta lasciando la casa in ordine, con frigorifero e cestini della spazzatura svuotati, angolo cottura pulito e biancheria sporca ripiegata " e in effetti, fortunatamente ho avuto problemi una volta sola ( quando le spese per la pulizia erano a parte, ma credo soltanto per coincidenza).

Come Dario la scelta è dettata anche dal fatto di avere un soggiorno minimo di 5 giorni, inoltre ritengo che visto che la casa va consegnata pulita è corretto che le spese di pulizia siano incluse: io le vedo come pulizia iniziale, non come pulizia finale.

 

La parte che invece ho notato è questa:

 

"Sappiamo che preparare l'alloggio per gli ospiti successivi è impegnativo, soprattutto quando non hai molto tempo a disposizione tra un soggiorno e l'altro. Quindi è normale che tu chieda loro se possono occuparsi di alcuni semplici compiti prima di andarsene, come spegnere le luci, gettare i rifiuti alimentari nella spazzatura e chiudere bene porte e finestre.

 

Tuttavia, gli ospiti ci hanno confidato che non gradiscono svolgere lavori domestici eccessivi, come cambiare le lenzuola, lavare la biancheria da letto o passare l'aspirapolvere.

 

Nei prossimi mesi, cercheremo, con il tuo aiuto, di rendere più trasparente la fase di check-out per gli ospiti. Questi ultimi potranno consultare le tue istruzioni al riguardo prima di prenotare, così come avviene per le regole della casa, e lasciare un feedback sulla relativa esperienza"

 

Non vorrei che tra i " lavori domestici eccessivi " vengano considerati in futuro quelli che chiedo io ( lavare i piatti, lasciare il frigo vuoto e pulito, buttare la pattumiera nei contenitori dei rifiuti differenziati nel cortile del condominio, lasciare la casa in ordine, dare una minima pulita al piano cottura e raggruppare insieme ordinatamente la biancheria sporca)...io non li percepisco eccessivi, sono cose che quando affitto per le vacanze faccio normalmente.

È sicuramente giusto precisare quali sono le nostre aspettative ( e infatti già preciso tutto nell'annuncio e nelle regole) però il concetto di " gravoso" o "eccessivo" è un po' soggettivo a mio avviso.

Paola4
Level 10
Rome, Italy

@IsabellaEValerio0  quando fanno l'esempio dei lavori domestici "eccessivi" parlano di " cambiare le lenzuola, lavare la biancheria da letto o passare l'aspirapolvere" che sinceramente mi sembrano più attività che si potrebbero svolgere durante un soggiorno e non in fase di check-out. 

E' vero che il concetto di eccessivo è soggettivo, ma starà noi a specificare cosa desideriamo che gli ospiti facciano quando lasciano l'appartamento. 

Io ho già inserito da tempo nella prima pagina del libro ospiti ed in un quadro appeso all'ingresso, cosa devono fare al check-in ed al check-out. Vi riporto quanto richiesto per il check-out  :

 

# Lasciate l’appartamento nelle stesse condizioni in cui l’avete trovato

# Chiudete tutte le finestre 

# Spengere i condizionatori/pompa di calore 

# Chiudere la porta di ingresso e lasciare le chiavi sul tavolo in salone

# Spengere tutte le luci 

# Lasciare gli asciugamani utilizzati in bagno nella vasca e nella doccia

# Gettate l’immondizia differenziata nei secchi presenti in strada 

# NON levate le lenzuola e/o i copri piumini dai letti 

Soprattutto il primo requisito credo che sia molto forte e lasci intendere che devono avere cura della casa e lasciarla nel migliore dei modi.

Non ho mai trovato casa in condizioni pessime per fortuna, forse anche perchè è mia abitudine andare sempre al check-out od il giorno prima per salutare, ringraziare e dare una occhiata rapida chiedendo agli ospiti se c'è qualcosa che necessita di essere sistemato. Lo trovo molto utile e credo che questo possa anche indurre gli ospiti ad una maggiore responsabilizzazione su come lasciare l'appartamento.

IsabellaEValerio0
Level 10
Cuneo, Italy

Sono d'accordo @Paola4 e anch'io chiarisco all'arrivo quali sono le mie aspettative, anzi lo faccio anche prima, già nell'annuncio, in modo che chi legge possa avere la possibilità di prenotare da un'altra parte, se le mie regole non gli dovessero piacere.

Però Airbnb scrive anche "  gettare i rifiuti alimentari nella spazzatura " : poco tempo fa avevo letto articoli esteri che riportavano le lamentele dei Guest riguardo al fatto di doversi occupare di portare la spazzatura fuori casa e quella frase potrebbe essere interpretata  come dire che nella norma il Guest dovrebbe gettare la spazzatura nei cestini in casa, ma sarebbe considerato gravoso dover portare l'immondizia fuori casa.

Per ora comunque il mio è soltanto uno spunto di riflessione 🙂.

 

IsabellaEValerio0
Level 10
Cuneo, Italy

 

Parlo di alcuni articoli come questi, dove oltre ai lavori più assurdi ( come falciare il prato) vengono elencate anche cose normali, come svuotare il frigo o portare fuori la pattumiera.

Anche il fatto di lavare le lenzuola, che cosa si intende? Nei miei soggiorni lunghi, quando non mi lasciano una fornitura iniziale ampia, io me le lavo le lenzuola o gli asciugamani, mi sembra normale... Questo articolo di Airbnb esce poco dopo che all'estero si è parlato di questi argomenti: 

 

https://www.businessinsider.com/travelers-slam-airbnb-chore-lists-mow-lawn-laundry-cleaning-fees-202...

 

https://www.nytimes.com/2022/11/07/business/airbnb-cleaning-fees.html

 

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://dailyhive.com/vancouver/airbnb-chores-l...

https://www.leggo.it/esteri/news/airbnb_denuncia_pulizie_lenzuola_falciare_prato-6937244.html

 

 

 

 

 

 

Paola4
Level 10
Rome, Italy

@IsabellaEValerio0  credo che vi siano host che forse esagerano con la lista di cose da fare al check-out.

Quella della spazzatura pesa a molti, come credo quando si è a casa propria. Nessuno ama buttare la spazzatura, figuriamoci quando si è in vacanza.

E' ovvio che stare in una casa è diverso che stare in un Hotel , se l'ospite preferisce un appartamento ad un hotel è per un valore aggiunto che richiede anche un minimo di impegno in più.

Spero che da questi episodi Airbnb non esageri ; se proprio ritiene che splittare il costo delle pulizie possa essere controproducente, faccia un algoritmo che spalmi il prezzo delle pulizie, ove inserito a parte, sulle notti prenotate così sta più tranquillo. Ma a me host deve lasciare la possibilità di inserirlo come voce a parte. 

Cristiana19
Level 10
Venice, Italy

@Francesca @Paola4 @IsabellaEValerio0 @Angela1056 @Alberto1535 @Donatella26 

Cari Amici, ho letto nella Community inglese il post omologo, affrontato per lo più da hosts statunitensi.

 

La questione della "trasparenza dei prezzi" che noi abbiamo considerato (correttamente) come una novità tutto sommato non così influente, in quanto i nostri prezzi sono sempre in chiaro per il giorno di permanenza, in chiaro per la pulizia e in chiaro per alcuni extra, se da subito inseriti dal guest (ad esempio, apponendo il numero degli ospiti, con possibile aumento automatico di tariffa giornaliera in caso di + xxx euro per ospite in più, oltre xxx ospiti), e - alla fine - in chiaro anche nel totale quando si mettano tutti i dati utili alla prenotazione, in realtà nasce da tutt'altre considerazioni rispetto alle nostre.

 

In effetti mi stavo chiedendo perché scaldarsi così tanto, dato che comunque da noi il guest riesce a vedere bene quanto spende per l'intero soggiorno e al massimo (ma deve leggere anche regole della casa e note sulle tasse civiche, sia chiaro) ha da pagare come extra le tasse di soggiorno che di regola vengono da noi riscosse e da noi versate al Comune di riferimento trimestralmente.

 

Poi ho letto e ho capito che il problema è tutto solo statunitense, squisitamente statunitense.

 

Negli USA i prezzi di molti servizi e beni non comprendono le "tasse" ovvero tutto ciò che ci fa ammattire anche solo per pagare un caffè in un bar a New York: il conto è 10 e poi devi aggiungere le tasse che per noi europei/resto del mondo non sono certamente automatiche, ma a quanto pare non sono così lapalissiane neppure per gli stessi americani, soprattutto in determinati casi. 

 

Ho letto di un viaggiatore imbufalito che protestava proprio perché, soprattutto se sei già in viaggio e vuoi precedere "a braccio" come è bello fare viaggiando, per calcolare le maledette tasse di ogni tappa diventava letteralmente pazzo. Aveva un budget di 200$ a giorno e ogni volta che sceglieva un alloggio doveva effettuare mille calcoli per capire se potesse rientrare in quel tetto massimo.

 

Quindi, quello della cosiddetta "trasparenza" nei prezzi in realtà è un falso problema per gli host italiani.

 

E ora mi spiego anche una domanda proprio di alcuni giorni fa di un viaggiatore statunitense che non voleva credere che il prezzo fosse proprio quello scritto nella compilazione della prenotazione, al punto che mi chiese se davvero non c'erano extra fee. E io risposi: no, naturalmente, salvo le tasse di soggiorno, come è scritto nell'annuncio, ma queste dovranno essere pagate al check-in. E calcolai sull'unghia il suo specifico importo.

 

Ancora non ci credeva...

 

 

P.S. a proposito di "questioni statunitensi": l'incomprensibile (per noi europei e italiani in particolare) attenzione spasmodica nei confronti dei fantomatici "parties" che ha monopolizzato l'attenzione dei vertici di Airbnb al punto di farne un cavallo di battaglia dell'ultimo anno ("abbiamo sgominato i parties, abbiamo reso impossibile fare parties, ecc. ecc,") ha un senso solo se letta in chiave americana.

 

Posto che, come si disse, sono solo gli adolescenti (diciassettenni e poco più) statunitensi che hanno una libertà formidabile sin dal primo anno di college tanto da "terrorizzare" interi siti di vacanze con il loro arrivo per le pause di metà corso studi, pare sia anche vero che ne combinino di ogni colore.

 

Si sono registrati incidenti anche gravissimi in molte di queste feste: se ho capito bene nell'ultimo anno (riportato da un host assolutamente annichilito, ma mi sembra però un'aberrazione! benché anche fossero la metà, sarebbe sempre pazzesco) ci sono stati 600 morti in feste estreme, molti dei quali avvenuti in alloggi Airbnb.

 

Airbnb non ha la minima responsabilità in questi incidenti. Ce l'hanno se mai i genitori folli di quei poco più che bimbi a consegnare loro armi da portare in giro come fossero braccialetti... Ma Airbnb ha ricevuto, da questi molti casi fatali, una pubblicità pessima, non c'è alcun dubbio.

 

Interessante è stato leggere il post di una host inglese che - a fronte delle tante lagnanze dei colleghi oltreoceano - affermava che in Inghilterra (come quasi in tutto il resto della Terra, peraltro) se uno vede un ragazzino con la pistola allora chiama la polizia e che il tasso di omicidi "incidentali" del suo Paese in una settimana ammontava a quello di un weekend a Chicago (se non vado errando, mi pareva fosse Chicago...).

 

Insomma, Airbnb è sì internazionale, ma quello a cui tiene è principalmente il suo ombelico.

 

Forse sarebbe il caso di aprire un poco di finestre e comportarsi di conseguenza.

 

IsabellaEValerio0
Level 10
Cuneo, Italy

Non vorrei riprendere sempre gli stessi discorsi, ma alla fine tutto si riduce nel voler mettere in un unico calderone locazioni e strutture ricettive che diventano tutti " Airbnb ", dove gli ospiti ( e purtroppo gli stessi Host ) non capiscono più la differenza tra le varie tipologie e anche quando affittano una casa ( lato Host o lato Guest) offrono o si aspettano servizi di tipo alberghiero.

Cristiana19
Level 10
Venice, Italy

@IsabellaEValerio0 Purtroppo è così.

Soprattuto negli ultimi tempi, temo proprio per un certo tipo di comunicazione delle piattaforme che tende a far credere al viaggiatore di avere un servizio di lusso anche negli scantinati di Trebisaccette, si è davvero perso di vista il concetto di locazione.

Le aspettative si sono moltiplicate e di recente ho avuto qualche appunto per cose assolutamente ridicole, quasi come se dovessi avere uno stuolo di valletti che arrivavano di corsa a soddisfare il cliente. Ma il guest è un conduttore, non un cliente di albergo.

 

Se non ci fosse l'obbligo di presenziare al check-in e al check-out, potremmo anche lasciare le chiavi in una cassettina da aprire con numero dedicato e buondì, il poco resto si fa via web. Non ci dovrebbe essere neppure l'obbligo di spiegare tutto e il contrario di tutto. Entri in casa e, salvo poche indicazioni di base, ti arrangi, come si fa nelle locazioni lunghe. Perché siamo affittuari, non albergatori.

Cristiana19
Level 10
Venice, Italy

@IsabellaEValerio0 @Paola4 @Angela1056 @Alberto1535 

Cari Amici, nella mia esperienza sia di viaggiatrice che di locatrice il concetto è: non lasciare in appartamento ciò che si è comprato in loco.

Quindi: svuotare il frigorifero e cercare di liberarsi della spazzatura (differenziata) dove e come è prescritto.

Inoltre: lasciare bagno, cucina e locali in ordine e puliti per quanto possibile dopo un soggiorno più o meno lungo (io per i miei ospiti imposto un soggiorno minimo di 4 giorni, ma credo che queste regole possano valere per tutti).

Ciò significa che inevitabilmente i tessili (lenzuola, strofinacci, asciugamani) non possano essere puliti.

Insomma non si può pretendere che chi sta in casa nostra lasci il posto immacolato, del resto le spese di pulizia si fanno pagare per questo, ma poiché invece "la mia casa non è un albergo (...)" non si deve e non si può lasciare il disordine che si presume gente non educatissima lasci in una stanza d'albergo.

 

Inoltre, proprio perché si tratta di affitto, i cambi delle lenzuola e asciugamani DEVONO essere a carico degli ospiti. Se rimango in una casa per un mese devo occuparmi personalmente del lavaggio delle forniture (che mi devono essere lasciate PREVENTIVAMENTE in numero tale da permettermi il cambio) dato che non è lecito che il locatore se ne occupi.

 

Oltre all'educazione c'è anche la norma di legge, naturalmente.

Ma se ci si chiarisce prima (e, insisto, se Airbnb obbligasse i suoi clienti a osservare le norme locali IN VISTA di una prenotazione) un'infinità di problemi non ci sarebbero e tutto scorrerebbe più liscio.

 

E a proposito dei guest che si lamentano di portare la spazzatura fuori casa, allora che se ne stiano a casa loro, dove evidentemente pesa anche questa piccola incombenza segno di civiltà. Per me è imprescindibile e ne ho fatto una piccola battaglia personale, che vinco quasi sempre con soddisfazione in realtà assolutamente reciproca (quindi nessun perdente...).

IsabellaEValerio0
Level 10
Cuneo, Italy

@Cristiana19 , condivido il tuo pensiero.

Non pretendo che facciano chissà che cosa, ma che trattino la mia casa e le mie cose con la diligenza del buon padre di famiglia ( mi fa un po' sorridere questa espressione) tenendo conto che hanno affittato una casa, non sono ospiti di un albergo e alcuni compiti sono a carico loro. 

Paola4
Level 10
Rome, Italy

Qui da noi era già così per cui cambierà poco nella visualizzazione dei prezzi . Lo hanno introdotto per rispettare una normativa europea di trasparenza dei prezzi che trovo giusta.E' poco trasparente e scorretto infatti vedere nella ricerca listing con un prezzo poi ci clicchi sopra e ti accorgi che ci sono altri prezzi aggiuntivi che aumentano il totale. Era un giochino comodo alle Ota per lo più ....

Io tengo separati i costi del soggiorno dal prezzo della pulizia e li ho ovviamente aumentati entrambi sia per il Covid che ora per la crisi e gli aumenti del gas e corrente elettrica.

Il prezzo della pulizia è abbastanza elevato ma purtroppo devo avvalermi di una ditta di pulizie e questo mi ha fatto lievitare il prezzo. Però mai nessuno si è lamentato perchè la casa la trovano linda e pinta e lo apprezzano molto anche nelle review. 

Alberto1535
Level 10
Bologna, Italy

@Francesca buona giornata,

anche a fini di trasparenza ho i costi di pulizia separati, pari a 125 e 110 nei due appartamenti.

Considerato che sono anche assoggettati alla cedolare del 21%, allo stato attuale non sono sufficienti per coprire i costi reali, per cui sto valutando la misura dell'aumento.

Si tratta di costi fissi indipendentemente dalla durata (io comunque ho una durata minima di 3 giorni, che forse alzerò a 4).

Da alcune settimane il lavasecco per il singolo è passato da 10 a 12 euro, per il doppio da 12,50 a 14.

Quindi non si può fare diversamente.

Cristiana19
Level 10
Venice, Italy

 

@Alberto1535 @Francesca Caro Alberto, condivido, come sai.

Ed è vero che prezzi per la pulizia come i tuoi (e come i miei) non coprono la realtà delle spese sopportate.

Ma vorrei farti leggere questo pezzettino che illustra più compiutamente le novità di Airbnb da Dicembre.

https://www.trend-online.com/viaggi/airbnb-prezzi-finali/ 

 

Io sono del parere che avere l'idea precisa di ciò che spenderemo per 6 giorni a Roma tutto compreso tasse escluse sia ottima cosa, Airbnb si mette in linea con altri portali che già fanno questo semplice calcolo assolutamente di buon senso.

Benché già oggi lo capisci inserendo le date e verificando il totale, quindi, vabbé...

 

Ma la cosa che non comprendo è perché Airbnb non permetta di selezionare, sempre come fanno tutti gli altri portali, il range di spesa che ciascuno desidera per la propria prenotazione. Questo semplificherebbe tutto e in modo definitivo. Se ricordo bene un tempo c'era questa possibilità e infatti non ho mai capito perché sia stata tolta.

 

Devo peraltro registrare, come mi viene detto da più parti, che già in questi giorni il malefico algoritmo seleziona e offre (soltanto) i prezzi più bassi, poniamo il caso, del sestiere di Cannaregio a Venezia escludendo di default chi pratica prezzi un poco superiori a quelli determinati dall'algoritmo stesso come "opportuni" e indicando nel contempo al guest altri alloggi in altri sestieri basta che siano sempre a prezzi bassi.

Questo esclude tutti gli altri host anche se sono a Cannaregio e induce il guest a ritenere che i prezzi medi siano TUTTI bassi perché non ne compaiono altri, oltre a fargli inopinatamente cambiare idea su dove vorrebbe stare in Città.

 

Ora se per Venezia non è terribile (aldilà delle conseguenze riportate poco oltre) stare a Cannaregio piuttosto che a Castello, a Roma non è la stessa cosa soggiornare a Tuscolano o Portuense, così come a Milano a Turro o Lorenteggio....

 

Ma in realtà questa selezione arbitraria è gravida di pericolose conseguenze, se ho capito bene, perché spesso abbiamo detto anche qui che un prezzo troppo basso, soprattutto in certe realtà cittadine, non è realistico e porta solo guai (guest maleducati o anche truffaldini e comunque di regola sempre pretenziosi) e in molti casi abbiamo consigliato di aumentare tariffe che ci sembravano troppo risicate per l'offerta.

 

Dunque quindi, ricapitolando, gli anni scorsi Chesky o chi per lui ha premuto l'acceleratore su Airbnb Luxe o Plus (o simili) per farci sognare resort di lusso, poi solo pochi mesi fa si parte con la Summer release 2022 e le sue grotte, castelli e case nel fiordo (a prezzi molto molto poco popolari...) e ora, dato che ci si è accorti del fatto che siamo in crisi, dobbiamo tutti tornare al materasso da condividere in salotto dei primi anni di Airbnb?

 

Visti così, sembrano tutti steps schizofrenici. Ma forse a me sfugge qualcosa che certamente non so. E comunque mi sembra tutto un gran polverone per poco, alla fine.

Sono ancora convinta che le vacanze si scelgano per i posti che ci piacciono (all'interno di un determinato range di spesa): certo che se poi non si compare neppure nel quartiere dove hai il tuo alloggio, allora le cose potrebbero complicarsi.

 

Aiutatemi voi

@Angela1056 @Susanna0 @Adriano78 @IsabellaEValerio0 @Alessandra334 @Donatella26 @Maria-Rossella0 @Tom212  @Roberto1055

oltre naturalmente i cari @Francesca @Alberto1535 

Angela1056
Level 10
Pavia, Italy

Ciao @Cristiana19 , la possibilità di scegliere il range di prezzo per il soggiorno non è stata tolta. Se, dopo aver inserito il luogo e il numero di partecipanti nella ricerca, si clicca sui filtri si può impostare il range di spesa per la prenotazione. 

 

Screenshot_20221110-213803.png

 

Cristiana19
Level 10
Venice, Italy

@Angela1056 primo mio errore, grazie Angela! Sono felice di essere smentita su questo punto. Ora vediamo se la faccenda dell'algoritmo che seleziona solo i prezzi bassi è vera o no. Giusto per capire. Ribadisco che secondo me il viaggiatore è molto meno besugo di come si crede, quindi non temo contraccolpi. Grazie, cara Angela.

Cristiana19
Level 10
Venice, Italy

@Francesca Io ho dovuto recentemente aumentare un poco i prezzi per notte per causa degli aumenti energetici, ma ho lasciato i prezzi per la pulizia dei miei appartamenti immutati.

I miei prezzi per la pulizia sono di una certa importanza (130€ per il mio appartamento grande, 70€ per il mio appartamento piccolo) ma sono tarati per me più che correttamente su quello che significa "pulire". Questo anche dopo aver visto come puliscono le agenzie e come invece il fai-da-te sia molto meglio...

Non c'è solo infatti la pulizia dell'appartamento in sé che con il covid è stata decisamente incrementata (io chiedo ancora ai miei ospiti di portare la mascherina durante check-in o check-out, e nessuno si è mai lagnato, anzi ho ancora molti apprezzamenti per questo), ma anche il lavaggio e stiratura dei tessili che sono ovunque in una certa quantità (oltre a tre asciugamani per ospite, offro l'accappatoio e le pantofole; e, naturalmente, lenzuola, ecc.). Ci vogliono diverse ore di lavoro per effettuare un cambio di tessili da me...
Non è concepibile un prezzo inferiore a quelli che ho impostato per la pulizia, secondo la mia opinione. 

Anzi diffido molto di prezzi per la pulizia troppo bassi, perché o indicano una scarsa igiene o una scarsa cura o una furberia che non mi piace.

Per quanto riguarda gli extra, ho impostato il mio appartamento "grande" veneziano con una tariffa per due persone e una maggiorazione giornaliera fissa per ciascun ospite (oltre a una piccola maggiorazione per poter utilizzare più camere se si è in pochi, e questo solo per ammortizzare gli aumenti dei costi energetici)  in più sino a sei, automaticamente calcolata al momento della prenotazione. Per il mio appartamento al mare, dove felicemente posso ospitare cani e gatti in quantità, invece, la tariffa giornaliera è fissa: se vieni in tre o otto è la stessa.

E non ho messo alcun altro extra perché penso che potrebbe confondere le idee, ritenendo le mie tariffe comunque soddisfacenti.

Ma ciascuno ha la sua filosofia, naturalmente, ed è giusto che ognuno di noi abbia diverse impostazioni, perché ciò che incide su tutti i costi è sempre la possibilità di organizzarsi.

Dario0
Level 10
Rome, Italy

Ciao @Francesca ,

io ho sempre fatto un prezzo tutto compreso, sono forse facilitato dal fatto che ho sempre avuto il soggiorno minimo fissato a 4 notti e quindi basta aggiungere un po' al prezzo della notte ed ecco comprese le spese di pulizia.
Credo che in Europa già fosse obbligatorio per Airbnb mostrare nella ricerca il prezzo tutto compreso e sono contento che sarà così anche negli Stati Uniti.

A Roma abbiamo moltissimi ospiti dagli Stati Uniti quindi credo che questa novità cambierà un po' il posizionamento nei risultati delle ricerche.
Mio consiglio per tutti quindi, ora non esagerate più coi costi delle pulizie! 😉

Alla prossima! 😁


seguimi su Instagram @airbnb.dario - parlo di Locazione Breve e di Airbnb
Francesca
Community Manager
Community Manager

 

Ciao @Dario0 ,

grazie mille della tua esperienza. Tu hai visto costi di pulizia esagerati nelle tue ricerche?

 


___________________________


Hey, hai un dubbio o una domanda?

Pubblicala cliccando >>QUI<< troveremo la risposta insieme.

Leggi gli articoli del Centro Risorse

Preparare la casa per gli ospiti
Consigli di host Airbnb Plus: come qualche premura può fare la differenza
Assistere gli ospiti durante il loro soggiorno